fbpx

15 domande a Deriansky sul suo primo album “Qholla”

Un’intervista per parlare della lente deformante attraverso cui Deriansky osserva il mondo, della libertà espressiva che ha deciso di mettere al centro del suo lavoro e del suo strano rapporto con le reference.

 

CONTINUA A LEGGERE SU i-d.vice.com.